Accesso Utente

CAPTCHA
Questo è un test anti-spam
CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.
Login

Ancos-Confartigianato organizza un servizio di trasporto giornaliero per le Terme di Caramanico con il nuovo pulmino in dotazione all’associazione

Data Comunicato: 
Venerdì, 29 Agosto, 2014 - 10:00

Un servizio di trasporto giornaliero, per dodici giorni consecutivi, istituito per raggiungere le Terme di Caramanico e consentire, ai suoi fruitori, di sostenere le cure termali del caso senza l’assillo di utilizzare la propria vettura. Si chiama “In pullman alle Terme” la nuova iniziativa messa in campo da Ancos, la Onlus di Confartigianato, per offrire un’altra preziosa attività alla cittadinanza. Un pulmino da 9 posti, donato nei giorni scorsi ad Ancos-Confartigianato Chieti grazie alle donazioni raccolte con il 5 per mille, farà la spola con Caramanico Terme nel periodo compreso tra il 10 settembre e il 28 ottobre. Quando gli associati Confartigianato, e non, potranno scegliere il periodo giusto per sottoporsi alle cure termali. Il servizio si protrarrà per dodici giorni consecutivi e costerà 60 euro a persona con partenze fissate alle ore otto del mattino e rientri a mezzogiorno.

Marcella Tunno, Presidente di Ancos – Comitato Provinciale di Chieti, sottolinea la valenza del servizio attivato. “E’ prezioso perché va in contro alle esigenze della collettività. Il pulmino da 9 posti che ci è stato donato da Ancos nazionale, peraltro, servirà -anticipa Tunno- ad organizzare altri numerosi servizi rivolti alla persona come, ad esempio, la consegna della spesa a domicilio”. Una buona notizia specie per gli anziani che hanno difficoltà negli spostamenti e sono costretti, loro malgrado, a molte rinunce.

Non a caso si dice entusiasta del nuovo servizio istituito dall’Ancos, Tito Di Pillo, Presidente dell’Associazione Nazionale Anziani e Pensionati (Anap) di Confartigianato Chieti. “Progetti di questo tipo vanno nella giusta direzione in quanto rendono più facile -spiega Di Pillo- la vita quotidiana di molte persone, specie se anziani e pensionati che spesso non sono autonomi negli spostamenti.”