Info Utenza
 
Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Facendo click su un qualsiasi link di questa pagina, stai dandoci il consenso a poterli utilizzare. Per maggiori informazioni consultare la pagina dei cookie
 

Accesso Utente

CAPTCHA
Questo è un test anti-spam
CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.

Nuovo defibrillatore donato da ANCoS Confartigianato al Comune di Arezzo

26 Marzo, 2018
Nuovo defibrillatore donato da ANCoS

In occasione dell'inaugurazione della nuova sede di Arezzo il sindaco Alessandro Ghinelli ha ricevuto in dono da ANCoS Confartigianato il nuovo defibrillatore acquistato grazie ai fondi del 5x1000 delle dichiarazioni dei redditi.

"Siamo particolarmente orgogliosi di donare questo nuovo defibrillatore al Comune di Arezzo – ha detto nell'occasione il presidente provinciale ANCoS Confartigianato Angiolo Galletti – perché si tratta di uno strumento che si è rivelato di straordinaria importanza per salvare la vita delle perone. Questo strumento è stato acquistato grazie ai fondi raccolti attraverso il 5x1000 delle dichiarazioni dei redditi, fondi dunque donati da quanti hanno scelto di far compilare ai Caaf di Confartigianato il proprio modello unico o 730 o che hanno comunque scelto la nostra Onlus Universo Sociale per la donazione".

"Ed è ancora grazie a questi fondi che in provincia di Arezzo, ormai da anni – ha concluso Galletti - siamo riusciti a varare un'altra importante iniziativa a sostegno dei più deboli e delle loro famiglie, che ci ha consentito di erogare circa 11 mila ore di assistenza domiciliare a persone con disabilità. L'iniziativa è partita nel 2012 in Valdarno e si è poi allargata a Cortona, Castiglion Fiorentino e in Valtiberina. Doveroso e sincero il ringraziamento ad Ancos Confartigianato per la generosità e sensibilità dimostrate con questa donazione”, ha dichiarato il Sindaco Alessandro Ghinelli. “Il defibrillatore sarà destinato allo Sportello Unico del Comune di Arezzo, luogo quotidianamente molto frequentato dai cittadini e che diventerà un presidio in grado di salvare vite umane se necessario.

Un gesto importante, che testimonia l'affermarsi di un maturo senso di responsabilità sociale e di vicinanza alla comunità, e un contributo concreto alla diffusione della cultura della prevenzione e della sicurezza”, ha concluso il Sindaco.

AllegatoDimensione
Corriere di Arezzo - 27-03-2018349.17 KB
La Nazione - 27-03-2018282.91 KB