Comunità 300 mila persone a servizio

Secondo i dati Istat, sono oltre 300 mila le istituzioni no profit in Italia, una realtà in continua crescita. Parliamo di associazioni, cooperative e altre forme in cui si organizza l'attività svolta a titolo volontario.

E' un vero e proprio "esercito", diffuso nei diversi ambiti della società, difficile da individuare, ma assai evidente nei suoi valori quando lo si va a misurare. Basti pensare, ad esempio, ai numeri delle persone impegnate: quasi 5 milioni sono i volontari in Italia, ai quali vanno aggiunti i circa 700 mila dipendenti delle diverse realtà del volontariato e i 300 mila lavoratori esterni e/o temporanei. E questa moltitudine di realtà, spesso piccole e multiformi, non rimane certo ai margini della società, ma esercita un impatto nella vita sociale delle nostre comunità.

A partire dalla relazione fra le realtà del volontariato e le altre organizzazioni o istituzioni della società: ben 4 istituzioni su 5 si avvalgono a vario titolo della collaborazione di volontari o di realtà del volontariato.

Insomma, sul volontariato è costruito un pezzo importante della nostra Italia. A livello territoriale, pur con una distribuzione abbastanza omogenea sul territorio nazionale, a primeggiare è l'area della Pianura Padana: Veneto, Emilia Romagna, Lombardia e Piemonte sono le regioni a più alta densità di volontariato.

Per quanto concerce la predisposizione degli italiani a impegnarsi in attività volontarie, il Veneto risulta la seconda Regione d'Italia, dopo il Trentino Alto Adige, con un tasso di volontariato del 17 per cento. Un primato tutto italiano, quello del volontariato, di cui il Veneto è senza dubbio una delle capitali.

di Michele Cocco
Intraprendere Più - 03-06-18

AllegatoDimensione
Intraprendere Più - 03-06-18275.4 KB