Giardino della Ceramica

Con l’approvazione dai Beni Culturali l’opera “Giardino della Ceramica” sarà presente nella Fortezza del Priamar a Savona. L’idea è stata fortemente voluta e realizzata con il contributo ANCoS con la raccolta fondi 2×1000.

Fossato di Sant’Anna e il Giardino della Ceramica

Inserito all’interno del complesso monumentale del Priamar di Savona, il fossato di Sant’Anna è stato individuato come area per realizzare uno spazio fruibile alla collettività che trova nella ceramica, materiale tipico dell’artigianato artistico locale, la chiave di realizzazione e attrattività. Nel cantiere sul Priamar, sono stati riportati alla luce due vani sotterranei e un tratto di camminamento. I locali rinvenuti facevano parte di un piccolo edificio demolito nel 1954.

L’area del fossato di Sant’Anna si affaccia sul mare, di immediato accesso dalla rampa principale di ingresso alla fortezza e la cui vista è fruibile anche dai livelli superiori di circuito di visita e transito della fortezza.

Ad oggi la fortezza è meta di turisti anche legati al sistema dei flussi di crocieristi, savonesi e avventori in genere. L’opera finanziata e, a seguito di rallentamenti legati al Covid-19, realizzata, va ad incrementare un “percorso”, già esistente, sostenendo la filosofia turistica della territorialità e dell’artigianato che in questi anni si sta sviluppando.

Hanno collaborato alla realizzazione del progetto gli studenti di numerose scuole professionali della città, anche grazie all’intervento di ANCoS Savona, che ha consentito di sostenere le ultime spese previste.

Cosa prevede il Progetto

Arredare con opere di ceramica un’area suggestiva della Fortezza oggi preclusa al pubblico, un progetto elaborato dall’architetto savonese Daniela Donisi, con un possibile coinvolgimento di istituti professionali del mondo dell’edilizia e dell’agricoltura, per restituire il fossato di Sant’Anna alla Fortezza e alla città intera.

Scroll to Top