Info Utenza
 
Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Facendo click su un qualsiasi link di questa pagina, stai dandoci il consenso a poterli utilizzare. Per maggiori informazioni consultare la pagina dei cookie
 

Accesso Utente

CAPTCHA
Questo è un test anti-spam
CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.

Buone Pratiche: Il Progetto

Data evento: 
Lunedì, 26 Marzo, 2012 - 16:00

L’edizione 2011 del Festival della Persona fa da battesimo a questa idea-progetto, e siamo certi come Confartigianato che con una larga collaborazione il percorso potrà essere ricco di risultati, mettendo in evidenza che alla tendenza quasi morbosa che i mass-media dedicano al negativo possa fare da contraltare la formidabile presenza in Italia di "buone pratiche", frutto di idee, passione civile, gratuità da parte di innumerevoli volontari o da parte delle istituzioni più attive e responsabili. L’obiettivo principale degli incontri è stato quello di gettare le basi per un proficuo e condiviso sistema di interazione con lo scopo di diffondere valori, idee, strumenti e risorse necessarie per poter mettere in pratica importanti interventi di sussidiarietà e sostegno: un importante momento di confronto per costruire una "rete" di collaborazione, fondamentale per la crescita e lo sviluppo di nuove buone pratiche. All’incontro, introdotto dal Dott. Rigobello - Coordinatore Nazionale Confartigianato Persone – è intervenuto il Dott. Fumagalli - Segretario Nazionale Confartigianato - "battezzando" l’iniziativa esprimendo profondo interesse. Durante questi primi appuntamenti si sono decisi alcuni punti programmatici:

  • raccogliere quanti più riferimenti in modo da poter allargare e diffondere la "rete" quanto meno in una fase iniziale;
  • aggiornare continuamente e sistematicamente i vari utenti riguardo le novità nell’ambito del progetto,
  • garantire una grande visibilità all’iniziativa;
  • organizzare frequenti incontri durante i quali poter presentare i propri progetti e poter avere un contatto diretto con gli altri "addetti ai lavori";
  • creare degli strumenti informatici in grado di permettere lo sviluppo di un sistema integrato di materiali, informazioni e suggerimenti.

Su tale prospettiva, si è già provveduto a creare una pagina di Facebook dedicata dal titolo "BUONE PRATICHE ITALIA", che affiancherà un forum tuttora in fase di sperimentazione, con lo scopo di arrivare a costruire un archivio on-line contenente le informazioni dettagliate di numerose buone pratiche.

BUONE PRATICHE: PREMESSA

E’ assai comune l’utilizzo dell’espressione "buona pratica" o "best pratice" e non solo all’interno di convegni, di relazioni, di testi accademici. Frequentemente si sottolinea l’opportunità di adottare "riferimenti" con successo già praticati per cui, senza nulla inventare, è sufficiente contestualizzare esperienze collaudate che hanno dato positivi risultati per poi adattarle alle "proprie" dimensioni e situazioni. Si crea così una economia di scala in termini di risorse e soprattutto di rapidità nel rispondere a bisogni concreti. Tuttavia si riscontrano in particolare tre aspetti che impongono una seria riflessione: la tendenza a considerare "buona pratica" un progetto elaborato sulla base di bandi pubblici (da quelli europei a quelli regionali) o privati (soprattutto Fondazioni bancarie), progetto che una volta realizzato e conseguiti i contributi finisce spesso nell’abbandono; il carattere autoreferenziale della “buona pratica”, considerata cioè più dal versante di chi la progetta e la realizza piuttosto che da quello degli utenti; l’affermazione costante sull’opportunità di mettere in rete le buone pratiche, senza tuttavia dedicarvi poi una concreta attenzione ed applicazione, con la conseguenza che le buone pratiche non hanno strutturale diffusione.

LE BUONE DOMANDE PER PENSARE AD UN PROGETTO

Perché non partire dalla buona pratica anziché dal soggetto che l’ha ideato adottando, ad esempio, come slogan: "Le buone pratiche sono di proprietà dei destinatari: idee e organizzazioni sono solo a loro servizio?" Perché non costituire un portale di buone pratiche sui temi del welfare, partendo in prima fase dal settore del sociale e da Confartigianato, con i dati essenziali di ciascuna pratica e con i riferimenti "umani" per promuovere contatti, confronti, scambi? Perché non fare una "vetrina delle buone pratiche del sociale in Italia" in contestuale, anche se prolungato, affiancamento con il Festival della Persona? Perché non integrare un domani questa "vetrina" con una fiera delle imprese che commercializzano per il 3° settore?

Per Informazioni:

buonepraticheitalia@libero.it

Facebook: BUONE PRATICHE ITALIA

Dott.ssa Bernadetta Cannas: 06.70374216